"scarta la tua memoria, scarta il tempo futuro del tuo desiderio; dimenticati entrambi, in modo da lasciare spazio ad una nuova idea. Forse sta fluttuando nella stanza in cerca di dimora, un pensiero, un'idea che nessuno reclama..." Bion

Lighter sentence for murderer with 'bad genes'


Italian court reduces jail term after tests identify genes linked to violent behaviour.

ChromosomesA court in Italy has cut a prisoner's jail term because he has genes associated with aggressive behaviour.Ingram Publishing
An Italian court has cut the sentence given to a convicted murderer by a year because he has genes linked to violent behaviour — the first time that behavioural genetics has affected a sentence passed by a European court. But researchers contacted by Nature have questioned whether the decision was based on sound science.
Abdelmalek Bayout, an Algerian citizen who has lived in Italy since 1993, admitted in 2007 to stabbing and killing Walter Felipe Novoa Perez on 10 March. Perez, a Colombian living in Italy, had, according to Bayout's testimony, insulted him over the kohl eye make-up the Algerian was wearing. Bayout, a Muslim, claims he wore the make-up for religious reasons.
During the trial, Bayout's lawyer, Tania Cattarossi, asked the court to take into account that her client may have been mentally ill at the time of the murder. After considering three psychiatric reports, the judge, Paolo Alessio Vernì, partially agreed that Bayout's psychiatric illness was a mitigating factor and sentenced him to 9 years and 2 months in prison — around three years less than Bayout would have received had he been deemed to be of sound mind.
But at an appeal hearing in May this year, Pier Valerio Reinotti, a judge of the Court of Appeal in Trieste, asked forensic scientists for a new independent psychiatric report to decide whether he should commute the sentence further.
“There's increasing evidence that some genes together with a particular environmental insult may predispose people to certain behaviour.”
For the new report, Pietro Pietrini, a molecular neuroscientist at Italy's University of Pisa, and Giuseppe Sartori, a cognitive neuroscientist at the University of Padova, conducted a series of tests and found abnormalities in brain-imaging scans and in five genes that have been linked to violent behaviour — including the gene encoding the neurotransmitter-metabolizing enzyme monoamine oxidase A (MAOA). A 2002 study led by Terrie Moffitt, a geneticist at the Institute of Psychiatry, King's College, London, had found low levels of  MAOA expression to be associated with aggressiveness and criminal conduct of young boys raised in abusive environments1.
In the report, Pietrini and Sartori concluded that Bayout's genes would make him more prone to behaving violently if provoked. "There's increasing evidence that some genes together with a particular environmental insult may predispose people to certain behaviour," says Pietrini.
On the basis of the genetic tests, Judge Reinotti docked a further year off the defendant's sentence, arguing that the defendant's genes "would make him particularly aggressive in stressful situations". Giving his verdict, Reinotti said he had found the  MAOA evidence particularly compelling.
Reinotti made the decision in September, but the case only came to light a month later when the local paper  MessaggeroVeneto reported the story. 

Weighing up the evidence

But forensic scientists and geneticists contacted by  Nature question whether the scientific evidence supports the conclusions reached in the psychiatric report presented to Judge Reinotti.
"We don't know how the whole genome functions and the [possible] protective effects of other genes," says Giuseppe Novelli, a forensic scientist and geneticist at the University Tor Vergata in Rome. Tests for single genes such as  MAOA are "useless and expensive", he adds.
One problem is that the effects of the  MAOA gene are known to vary between different ethnic groups, Moffit says. A 2006 study in the United States found that former victims of child abuse with high levels of MAOA were less likely to commit violent crimes — but only if they were white. The effect was not evident in non-white children2
"If the defendant has any African ancestry, this could bring up a question of how well the genotype of that particular gene could relate to his personal behaviour," Moffitt says.
Pietrini and Sartori, however, did not test Bayout for his ethnicity.
"The ethnicity of the defendant is irrelevant" in this case, Pietrini told Nature. He argues that the defendant does not belong to any of the non-white ethnic groups considered in the 2006 study. "Besides, MAOA is just one of the candidate genes we analysed," he added.
Terrie Moffitt
“If the defendant has any African ancestry, this could bring up a question of how well the genotype of that particular gene could relate to his personal behaviour.”
Terrie Moffitt
Institute of Psychiatry
Other genes, such as those that encode the serotonin transporter, have also been linked to different reactions to stress. But these also show a large degree of dependence on environmental factors. "The point is that behavioural genetics is not there yet, we cannot explain individual behaviour, only large population statistics," says Nita Farahany of Vanderbilt University in Nashville, Tennessee, who specializes in the legal and ethical issues arising from behavioural genetics and neuroscience. 
Cattarossi argues that all evidence that has a bearing on her client's mental health should be considered by the court. "My client is clearly an ill person and everything that allows the judge to better evaluate the case and to decide the right sentence should be investigated," she says.
Since the 1994 Stephen Mobley case in the United States — the first case in the world in which the defence asked to have their client tested for MAOA deficiency — lawyers have increasingly been trying to bring MAOA deficits and similar genetic evidence into courtrooms worldwide. According to Farahany, who updates a personal database on sentences passed in the United States, in the past five years there have been at least 200 cases where lawyers have attempted to use genetic evidence to support the idea their clients' were predisposed to violent behaviour, depression or drug or alcohol abuse. In Britain, there have been at least 20 such cases in the past five years.
ADVERTISEMENT
Up to now most such efforts have been unsuccessful in court — although a few have influenced sentencing in the United States. Judges have tended to reject the idea that a person has no control over their choices because of their genes, says Farahany.
Some fear that such cases could lead to the acceptance of genetic determinism — the idea that genes determine the behaviour of an organism — in criminal cases. 
"90% of all murders are committed by people with a Y chromosome — males. Should we always give males a shorter sentence?" says Steve Jones, a geneticist at University College London. "I have low MAOA activity but I don't go around attacking people."
Farahany points out that prosecutors could use the same genetic evidence to argue for tougher sentences by suggesting people with such genes are inherently 'bad'.
"The question is where do you stop," Jones adds. 

I disturbi del comportamento alimentare in adolescenza: il caso dell’anoressia

A cura del Dott. Siciliano Angelo – psicologo, psicoterapeuta, esperto in neuropsicologia

Caricatura, ti diranno alcuni che, amanti ebbri di carne, non comprendono l’anonima eleganza dell’umana armatura. Tu, scheletro alto, invece corrispondi al mio gusto più squisito!” (da I fiori del male, C. Baudelaire).

Anoressia 2 Vicenzaingreen

Tra le sfide più delicate che ogni essere umano deve affrontare nel corso della sua crescita psicologica troviamo senza dubbio quelle che riguardano una buona gestione del rapporto con il cibo e il corpo. Il cibo ci dà il nutrimento necessario per preservare le nostre funzioni biologiche e vitali, ma allo stesso tempo ci offre il piacere della degustazione. Dal canto suo, il corpo possiede o esprime molteplici funzioni e significati: è fonte di stimoli interni di vario tipo (impulsi, sensazioni, bisogni); è una di “zona di confine” che connette il nostro mondo interno alla realtà esterna, consentendoci di percepirla attraverso i cinque sensi e di interagire con essa mediante l’azione; rappresenta il nostro modo di essere nel mondo, ciò che gli altri immediatamente riconoscono di noi. Per questa ragione il corpo rappresenta il punto di partenza di ogni possibile esperienza, il fondamento su cui costruire la nostra identità personale e sessuale. Per esempio, il modo in cui un individuo percepisce e vive il proprio corpo è determinante per il valore che attribuisce a se stesso (bello/brutto, gradevole/sgradevole, buono/cattivo, etc.) e per la scelta dell’orientamento sessuale (etero, omo, bisessuale, etc.). 

Durante l’adolescenza, l’uomo deve fare i conti con i profondi cambiamenti corporei caratteristici di questa fase della vita, legati allo sviluppo puberale e ormonale (cambiamento di statura, peso, timbro di voce, aumento delle dimensioni dei genitali e del desiderio sessuale, sviluppo dei caratteri sessuali secondari, come la peluria nell’uomo o l’aumento dei seni nella donna). Inoltre, da un punto di vista evolutivo, l’adolescente sta transitando su quel tortuoso percorso che porta dal mondo della fanciullezza a quello degli adulti, e si trova disorientato, sentendo di non appartenere né all’uno né all’altro, come sospeso in una “terra di nessuno”. Molti ricercatori ritengono che l’adolescenza rappresenti di per sé un periodo “critico” nell’arco della vita di ciascuno, poiché l’afflusso straordinario di cambiamenti biologici, psicologici e sociali può complicare molto la risposta a interrogativi importanti, come “chi sono?”, “cosa desidero?”, “quanto valgo?”. Tutto ciò fa provare all’adolescente un senso di smarrimento, incertezza e confusione (la sensazione di “non ritrovarsi più”) che spesso si riverbera nel suo rapporto con cibo e corpo (per es. rifiuto del cibo, abbuffate, vomito, etc.). Per queste ragioni i cosiddetti “disturbi del comportamento alimentare”, come anoressia e bulimia, sono considerati problemi tipici della pubertà. Così come l’adolescenza è da sempre una fase di crescita dell’essere umano, così anche i problemi col cibo hanno una storia altrettanto antica. A tal proposito basti pensare che la prima descrizione sistematica di un caso di anoressia risale addirittura al XVI secolo. Con un buon grado di certezza possiamo sostenere che problemi simili siano esistiti anche in epoche precedenti, tuttavia non possiamo fornirne evidenza per la scarsità di documentazioni. Quindi, in un certo senso, il progresso delle conoscenze mediche e psicologiche ha portato a galla e analizzato una serie di fenomeni che precedentemente venivano ignorati, minimizzati o fraintesi. D’altro canto è vero che oggi queste manifestazioni sono molto più diffuse rispetto al passato, tanto che qualcuno ha sostenuto che se il Settecento si è segnalato per la sifilide, l’Ottocento per la tisi, il Novecento si è contraddistinto per i disturbi del comportamento alimentare. 

Attualmente sappiamo che in Italia circa 3 milioni di persone – pari al 5% della popolazione – soffre per questo tipo di disagio. Inoltre, ricerche recenti dimostrano un preoccupante allargamento a macchia d’olio, in una situazione tale per cui queste patologie non si declinano più esclusivamente al femminile, ma coinvolgono anche gli uomini, ed iniziano a manifestarsi in età prima “inusuali”, nella tarda fanciullezza o con l’ingresso nel climaterio. Proviamo a comprendere più da vicino cosa gli esperti intendano con “disturbi del comportamento alimentare”. Come mai è stata scelta proprio questa espressione per indicare i problemi legati al rapporto col corpo e col cibo? Perché fare riferimento al “comportamento”, qualcosa di esterno e visibile, invece che a specifiche caratteristiche della mente? Solitamente gli psicologi preferiscono andare al di là di quanto appare, vogliono comprendere quali sono le motivazioni interne e profonde che sostengono un certo comportamento. Evidentemente è un loro specifico interesse farlo anche nel caso dei disturbi del comportamento alimentare, tuttavia prediligono quest’espressione perché vogliono sottolineare che molte volte si tratta di disagi potenzialmente transitori e normali, specialmente durante l’adolescenza. Come dicevamo prima, spesso si tratta di reazioni temporanee legate ad una non completa accettazione del proprio aspetto fisico, a cocenti delusioni amorose, a particolari situazioni familiari, o ancora ad un lutto. Meritano, invece, una giusta preoccupazione quei comportamenti che si protraggono nel tempo, che rischiano di configurarsi quale unica possibile strategia che il ragazzo ha per affrontare le difficoltà che incontra. 

Quando possiamo parlare di anoressia vera e propria? L’“anoressia mentale” è una sindrome psicologica caratterizzata principalmente dal fatto che la persona si rifiuta di mangiare oppure si ostina in una dieta sacrificante che la porta a dimagrire drasticamente, fino a raggiungere un peso corporeo 12-15 kg al di sotto del normale. Lo stato di denutrizione determina una serie specifica di sintomi fisici, quali squilibri ormonali, metabolici e neurologici, talvolta molto gravi e perfino irreversibili. Molti di questi sintomi, almeno nelle fasi iniziali della malattia, devono essere letti come tentativi dell’organismo di adattarsi al diminuito apporto calorico. Negli anoressici troviamo una maggiore sensibilità ai livelli di glucosio e insulina, tanto che circa la metà di questi pazienti soffre di diabete insipido. Inoltre, queste persone mostrano una minore capacità di regolare la propria temperatura corporea, cosicché diventano intolleranti al caldo o al freddo, e possono accusare una comparsa anomala di peluria in diverse parti del corpo. Poiché ancora oggi l’anoressia è una patologia prevalentemente femminile, gli esperti considerano la scomparsa del ciclo mestruale uno dei segni più classici. Perlopiù questa manifestazione ha lo scopo di risparmiare i circa 80 cc di sangue che la donna perde ad ogni mestruazione, tuttavia non molti sanno che in un buon 20% dei casi essa precede il dimagrimento, e dunque ha un’origine psicologica specifica che può essere compresa all’interno della storia individuale della persona. Ciò che colpisce di più nell’anoressica è l’indifferenza rispetto al calo di peso, nel senso che non mostra alcuna preoccupazione per il suo deperimento fisico, anzi rimane fortemente angosciata dalla paura di ingrassare, come se avesse perso il contatto con la propria immagine riflessa nello specchio. Tale stato d’animo la porta a controllare in maniera sempre più esasperata l’assunzione di cibo, il senso di sazietà e il peso corporeo: per esempio può sminuzzare o nascondere gli alimenti, usare diuretici o lassativi, provocarsi il vomito, impegnarsi in attività ginniche estenuanti. A volte la rigidità della dieta può essere talmente sfibrante da esaurire l’energia della persona, facendola cadere nelle cosiddette abbuffate – vere e proprie “orge di cibo” in cui divorao o” in cui in un forte stato di prostrazione psicologica età di questi pazienti soffre di diabete insipido quantità enormi e disparate di alimenti. Questi “cedimenti” determinano insopportabili sensi di colpa, vergogna e disprezzo di sé, sentimenti dai quali la persona anoressica cerca di liberarsi, restaurando – come in un circolo vizioso – il precedente regime di restrizione alimentare.

Cos’è che imprigiona le persone anoressiche in uno scontro senza fine con il corpo ed i suoi più naturali impulsi? Innanzitutto dobbiamo considerare che, a dispetto delle apparenze, il cibo rappresenta qualcosa di molto importante nella vita di queste persone, infatti esso monopolizza quotidianamente ogni loro interesse, pensiero e conversazione; in realtà il cibo non le lascia affatto indifferenti, anzi suscita in loro una forte avidità, tant’è vero che spesso provano un gran piacere a cucinare piatti raffinati per gli altri e possono in taluni casi anche impegnarsi nel campo della ristorazione. Questo è uno dei paradossi espressi da queste persone: devono stare lontane proprio da ciò che desiderano maggiormente. La lancetta della bilancia diventa il “metro” della loro autostima, perché si sentono tanto più “piene di sé” quanto più riescono a trionfare sulle urgenze imposte dal corpo (fame, sete, fatica, dolore, bisogni sessuali, etc.). Un altro apparente paradosso è che, inseguendo un insaziabile ideale di magrezza, si scarnificano, sembrano voler letteralmente scomparire eppure diventano sempre più “visibili”, perché suscitano le nostre attenzioni, preoccupazioni e cure. I loro corpi emaciati, filiformi e spigolosi sono i mezzi attraverso cui prendono forma le “urla” di un disagio emotivo profondo che non può essere comunicato in altro modo. Da un certo punto di vista, ciò che “vogliono” fare i ragazzi anoressici non è molto diverso da quello che desiderano i loro coetanei, cioè trovare se stessi, la propria indipendenza e autonomia dai genitori. Tuttavia, per loro il compito è ancora più arduo, perché affrontano la “tempesta adolescenziale” con importanti carenze alle spalle, con una fragilità spesso legata ad un complesso rapporto con i genitori, nonché al modo in cui sono state vissute o interpretate le cure materne nel corso dell’infanzia.

si ritorna a scrivere....


Eccomi qui, è passato veramente molto tempo da quando ho iniziato a scrivere su questo blog!
Anni nei quali ho cercato di ritagliarmi dei momenti per condividere informazioni, articoli, consigliare libri che trovavo interessanti.
Ho svolto il mio lavoro con passione e grandi soddisfazioni ho cercato di tenermi aggiornata per il rispetto in primis verso i miei pazienti e poi per sfamare la mia insaziabile fame di conoscenza.
Ho lasciato questo blog per un lungo periodo, nel quale, ero troppo presa tra lo studio del corso sulla psicologia forense ed il mio lavoro. Mi occupo da molti anni di psicoterapia individuale, ma da circa tre ho ampliato i miei orizzonti svolgendo perizie in ambito giuridico e trovando la cosa stimolante ed interessante. La psicoterapia resta il mio primo grande amore, e sarà sempre una parte fondamentale del mio ambito lavorativo, ma la neuropsicologia applicata all'ambito giuridico è diventata negli anni sempre più importante ed in questo 2017 sarà ancora più presente nella mia vita, infatti, dopo aver svolto un corso in psicologia forense, gestito da un nome di spicco come il prof. Sartori,  ho deciso che andava approfondito l'argomento con un Master Universitario che ho sempre ritenuto molto valido e diretto dal medesimo docente.  Ho voluto scrivere questo post per spiegare come mai i prossimi scritti verteranno prevalentemente sull'ambito forense. 



Follow by Email

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Iscritti

traslate in english